Hanno copiato i Romani

Partendo dalla Frazione Briere, oppure, un po’ più a valle e discosti, dalla Borgata Rio Agreve, Perosa Argentina, si imbocca un grande sentiero, tutto selciato, una mulattiera, che conduce nel vallone della Cumba’d Buciarda; passando per il Get, una roccia aguzza puntata contro il cielo, per ammonire a ricordare.
Una mulattiera splendida che racconta come in quei luoghi, non tanto tempo fa, dovesse vivere moltissima gente che, lavorando come bestie, per quella via portava a casa legname, fieno, pietre da lavorazione. Probabilmente usando slitte, non trainate da animali, ma da quella stessa gente, da persone. Tempi grami. Soltanto la strada era bella, come una strada romana.
È sopravvissuta agli anni, quella via di grandi pietre allineate e livellate, a tratti scolpite, a tratti gradinate, fatta con tanta cura e ingegno da essere più forte del tempo per giungere a noi, per parlare.
Ricorda una strada romana. Ed è tanta la meraviglia che suscita da lasciare un dubbio in chi oggi la percorre: avranno imparato gli antichi padri dai Romani, o sono stati i Romani a copiare dai nostri padri?

guarda la galleria