La fati-na dl’a soma d’aj

La fati-na dl’a soma d’aj

La fati-na dl’a soma d’aj

Non una strega, lunedì 17, a Dubbione di Pinasca, nemmeno la più scalcagnata. Non una fattucchiera, né di prima né di seconda scelta, apprendista o principiante che fosse; niente.
Per via dei campanacci delle mucche che hanno percorso di corsa e in parata Via Nazionale.
È infatti noto che streghe e affini non sopportano i campanacci.
Ma soprattutto non c’era una strega, a Dubbione, per via della Fera dl’aj, fiera dell’aglio.
Gli spiriti cattivi fuggono davanti al prezioso ortaggio; e le streghe, stregacce e megere, spariscono più di tutti gli altri. Pulizia.
C’erano però un simpatico mago dell’aglio, buono s’intende, e una fatina dello spicchio e della soma d’aj.
Bellissimi, l’uno e l’altra, a celebrare un prodotto magico della terra; di magia buona, tanto buona da attrarre molta gente, nonostante la pioggia.
A Dubbione di Pinasca, da quasi 150 anni; 147, per la precisione.

Il mago, buono, dell'aglio

Il mago, buono, dell’aglio

Guarda le immagini