È dei bambini che verranno

Il rio di Massello

Il rio di Massello

L’acqua, assieme al cielo, è l’anima di una terra. Senza acqua quella terra è un’altra cosa, come sarebbe un’altra cosa il mondo senza cielo. L’acqua è un diritto naturale inalienabile di ogni uomo. Non negoziabile. Non discutibile.
Un bambino quando nasce ha diritto all’acqua; ce l’ha già, e nessuno può negarglielo; è suo.
Agli adulti il compito e il dovere di difenderlo, quel diritto, e di renderlo reale, esigibile.
Ma l’uomo a volte vende anche l’anima. Figuriamoci i diritti, per di più se non suoi.
Dalla vicenda di Gesù Cristo in poi, dove trenta denari bastarono per tradire un uomo buono, la storia è piena di cattivi esempi. Bisognerebbe non seguirli, non ripeterli, non perpetrarli nel tempo. Negarli, quei cattivi esempi, quelli si, non i diritti.

L'acqua del Il rio di Massello

L’acqua del rio di Massello

C’è una terra, in Val Germanasca, nel vallone di Massello per la precisione, dove quei diritti ci sono ancora e forse resteranno. Dove forse l’acqua continuerà a correre e cantare per quelli che verranno.
Forse perché quella valle è vigilata dall’alto da una bellissima cascata. Forse perché la gente che la abita è più buona. Forse è soltanto più saggia. O forse perché ama le cose belle, e tra tutte le cose belle nessuna lo è più dell’acqua.
L’acqua che scende dalla Cascata del Pis non è nostra e non è di nessuno: è di tutti. Innanzi tutto dei bambini, e in particolare di quelli che verranno.
Non si può vendere, non si può incatenare, si deve lasciare libera.

L'acqua del Il rio di Massello

L’acqua del rio di Massello

Guarda le immagini