27 gennaio – Giorno della Memoria

Auschwitz

Auschwitz

Osservando la bellezza della natura che ci circonda, in qualsiasi luogo delle nostre valli, restiamo in silenzio per alcuni istanti, oggi 27 gennaio.
Riportiamo alla mente la storia degli anni bui del novecento europeo. Un filo spinato ci apparirà davanti agli occhi, visi smunti privi di sguardo, corpi emaciati piegati da un dolore incomprensibile, bambini privati dell’infanzia, donne e uomini senza nome, fili di fumo persi nel cielo. Questo è stato, ci ha insegnato Primo Levi. Questo non deve più essere, diciamo noi.
È necessario essere costruttori di un mondo migliore e per farlo dobbiamo sforzarci di sapere, di indagare nella nostra storia per rafforzare valori degni dell’umanità.
Più che mai sono attuali le parole, ancora di Primo Levi: “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre.”
(C. Reymondo – immagini F. Canonico)

Auschwitz

Auschwitz