Un gesto di libertà

A Pinasca si è svolto in un weekend di maggio un importante compleanno, i cinquant’anni della locale sezione Avis.
Questo significa che da mezzo secolo ci sono uomini e donne che, senza clamore e palcoscenici, compiono un gesto che sovente per chi lo riceve significa speranza di vita.
Pinasca è una delle tante sezioni Avis del nostro territorio, dell’Italia intera.
Il dono del sangue è un gesto di profondo amore per i propri simili che non costa nulla, solamente la volontà di farlo, con costanza.
È questo dono un valore aggiunto per la nostra terra che sa offrire angoli di natura meravigliosi e un’umanità generosa verso fratelli e sorelle che mai sarà possibile conoscere.
Le valli Chisone e Germanasca sono terre belle anche per questo.
Alla festa della sezione di Pinasca anche i bambini hanno sfilato lungo le strade insieme ai rappresentanti di tante altre sezioni Avis del torinese e del cuneese, alla gente e alla banda musicale.
Musica che sottolinea la festa, risate di ragazzini, saluti di affetto dalle finestre delle case poste lungo le strade e il ricordo delle persone care che prima di noi hanno donato il loro sangue senza cercare consensi o premi.
La festa, come tutte le feste, finisce ma non termina l’impegno degli avisini: domani si ricomincerà a donare e a promuovere la donazione che, come si legge in un cartellone preparato dai bambini, non fa male ed è un gesto di libertà.
(C. Reymondo)