Buon compleanno

La Repubblica ha 72 anni.
La Repubblica Italiana, la nostra. Oggi è la sua festa.
Tanti e pochi, 72 anni.
Tanti per quanti non la conoscono, pochi per quanti la amano.
Una creatura bellissima, la Repubblica, come un’alba colorata dopo la notte.
Una creatura che ha dell’incredibile.
Perché è incredibile guardarsi attorno e poter dire: questo non è mio, è di tutti: quindi anche mio.
Res publica, dal latino: cosa pubblica, di tutti.
Cosa quindi condivisa, da conservare con cura come si conservano le cose preziose, si proteggono e si difendono.
È una creatura senza tempo, senza età, la Repubblica, bella, cresciuta su un mare di lotte e di dolori. Una creatura nata a suggellare la pace dopo una guerra terribile contro i tiranni, sul corpo di migliaia di martiri, dopo infinite tragedie.
Nata forte e fragile al tempo stesso, capace di spazzare la monarchia come antitesi alla libertà ed al concetto stesso di repubblica, di tutti.
Forte, perché occorre grande forza per cancellare i privilegi, le ingiustizie e dare a tutti dignità, diritti.
Debole, perché la tentazione di ricadere negli antichi vizi è sempre presente e mille sono le voci che blandiscono in tal senso.
La Repubblica siamo noi.
Amiamola come amiamo noi stessi. Per noi e per i nostri figli.
(Foto D. Avondet)