Il sentiero del Laux

Il Laux

Il Laux

Da Fenestrelle un antico sentiero sale verso il Laux (Usseaux).
Attraversato il bellissimo abitato di Fenestrelle devi scendere fino ad incontrare il Chisone e lì inizia il percorso che salendo fra boschi e qualche radura, in un’ora, ti conduce al Laux.
Nel silenzio del cammino, contornato dal suono dei campanacci delle vacche in lontananza, ti puoi perdere nei tuoi pensieri.
Puoi soffermarti sui ricordi di chi ha camminato su quelle pietre, nella fatica del quotidiano o nella gioia del giorno di festa.
Sicuramente riuscirai a vedere qualche scoiattolo con il pelo scuro e una folta coda che ti darà appena il tempo di meravigliarti per questo improvviso incontro per poi scomparire in alto sugli alberi che si affacciano sul sentiero.
Quando attraversi il Rio del Laux sei ormai giunto alla meta.

Casetta al Laux

Il villaggio del Laux, diventato alcuni anni or sono, a ragione, uno dei luoghi più belli d’Italia, ti accoglie in questo periodo dell’anno, con un aspetto di quieta pace e tu puoi assaporare la lentezza del tempo che scorre e soprattutto la laboriosità di uomini e donne che qui hanno posto le loro radici.

La fontana del Laux

La fontana del Laux

Una fontana di pietra cattura la tua attenzione: acqua cristallina che sapientemente guidata scorre su legno scavato e disseta, lava, rinfresca.
Un viaggio nel silenzio del primo autunno che ti rigenera lo spirito e ti invita a riflettere perché il Laux è un villaggio nato dalla fatica e dal dolore di quegli esuli valdesi cacciati dalle loro terre di Provenza.
Se l’estate porta la vivacità al Laux, l’autunno svela pian piano i segreti di questo luogo d’incanto: il lago con la calma delle sue acque; le fontane, unica voce che rompe il silenzio; le vie vuote di presenze umane ma palpitanti di ricordi; le case, essenziali nella forma che raccontano di un’antica saggezza.

(C. Reymondo)

Potrebbero interessarti anche...