In silenzio nel silenzio

I Rimas

I Rimas

La borgata Rimas o “Rimâ” è un pugno di case di pietra poste lungo il vallone di Rodoretto. Un tempo la borgata aveva il mulino, il forno e la scuola, ora invece ha intorno a sé un silenzio che non è nostalgia ma aiuto all’osservazione di ciò che sta intorno al paese. La roccia che la sovrasta è pietra amica: da sempre protegge la borgata dalle valanghe.
Dove ora vi sono i pascoli vi erano campi coltivati.
Una borgata costruita con un’antica intelligenza: protetta dai pericoli della neve, dotata di una sorgente non lontana, ricca di terreni coltivabili che si racconta siano stati rubati alla vegetazione con la tecnica del fuoco. Forse il nome stesso della borgata ha a che fare con questo fatto. Nulla vi è di certo.

L'ingresso

L’ingresso

Su una casa spicca lo stemma valdese della luce che illumina la tenebra con il candelabro e le sette stelle. Un segno di pace e di fede.
La vicinanza del torrente e del versante opposto che all’inizio di marzo ancora è avvolto dall’ombra dell’inverno crea un contrasto particolare. Di qua i raggi del sole che illuminano il silenzio delle case e invitano a sostare qualche attimo fra queste mura che risuonarono di vita in altri tempi, di là il mantello invernale, la neve che ancora è immobile, il ghiaccio che vuole fermare la potenza dell’acqua e imprigionare lo scorrere delle gocce.
Vista da lontano Lâ Rimâ sembra un punto minuscolo sulla terra. Camminando fra le sue case o fra ciò che di alcune rimane però la sensazione è un’altra. Lungo la strada maestra sembra quasi di veder affacciarsi qualcuno dalle finestre per un rapido saluto. Chissà quale di queste case ha ospitato la scuola?
Sollevando lo sguardo scorgo un albero isolato posto fra pietre e cielo come a guardia di questa terra per impedire che ne vengano rapiti i segreti e la bellezza.
Mi allontano in punta di piedi, in silenzio nel silenzio che avvolge uno dei più bei valloni delle nostre valli.
(C. Reymondo)

La via maestra

La via maestra

(Guarda le immagini)